Staffetta di scrittura creativa - BIMED: scuola primaria di Monteroduni a.s. 2019/2020

Menzione Speciale del Premio SCRI VI AMO alla classe quinta della scuola primaria di Monteroduni

L’Istituto omnicomprensivo “A. Giordano” ha partecipato alla staffetta di scrittura creativa indetta da BIMED https://www.bimed.net/staffettascrittura/.

La referente del progetto è l’insegnante Antonella Manzi della scuola primaria di Monteroduni.

Il tema della Staffetta per l’a.s. 2019/2020 è

“OGGETTI, VITA, TERRA. BIOGRAFIA DEGLI OGGETTI E DEI SOGGETTI”

Lo scopo è quello di incoraggiare “una riflessione sulla attuale infinita produzione di oggetti e materiali, magari illusoriamente ritenuti utili per la vita umana che hanno portato inesorabilmente al consumo esasperato dei “beni” che ci offre la nostra bellissima Terra.”

Quest’anno la scuola primaria di Monteroduni ha partecipato alla STAFFETTA BIMED con due classi:

  • la classe QUINTA, per la sezione MAIOR 27 

con il Primo capitolo del libro: “Il viaggio di Giovanna” (INCIPIT di Mario Giuffrida);

  • la classe TERZA, per la sezione MAIOR 02   

con il Sesto capitolo del libro: “Una lavatrice nel bosco” (INCIPIT DI Anna Baccelliere)

Le Staffette MAIOR 27 e MAIOR 02 hanno superato la prima fase eliminatoria.

Non è la prima volta che il plesso della primaria di Monteroduni aderisce a questo format. I bambini ormai procedono autonomamente con un metodo consolidato che contempla diverse fasi:

  1.  lettura dell’incipit o dei capitoli precedenti;
  2.  brain storming;
  3.  mappa concettuale;
  4.  Storyboard;
  5.  scrittura del capitolo individuale e di gruppo;
  6.  disegno individuale o collettivo.

Gli alunni hanno accolto le proposte di quest’anno con curiosità e maturità. Hanno ripreso il filo della narrazione, sebbene l’argomento fosse lontano dal loro mondo reale e anche da quello fantastico. La sensibilità verso le problematiche ambientali li ha aiutati a creare nuovi improbabili personaggi attingendo dal mondo degli oggetti e a individuare semplici percorsi narrativi nei quali evidenziare concetti di cittadinanza e di legalità. Nell’ambito linguistico l’attenzione alla parola e l’arricchimento del lessico hanno accompagnato la stesura dei racconti, mentre dal punto di vista relazionale il clima collaborativo ha favorito lo scambio di idee ed esperienze.

Venerdì 24 aprile e martedì 28 aprile 2020, le classi impegnate nella staffetta si sono collegate in videoconferenza con i docenti e gli alunni che hanno partecipato alla stesura dei capitoli. Alla riunione erano presenti anche gli autori degli incipit, i tutor e il presidente BIMED Andrea Iovino.

Nel corso della videoconferenza, dopo una breve presentazione dei tutor e un intervento degli autori, i bambini che rappresentavano le classi impegnate nella stesura del racconto hanno espresso le loro opinioni sul format e hanno posto diverse domande agli scrittori.

Il giudizio sull’attività è stato alquanto positivo da parte di tutti i partecipanti, tanto che il presidente Iovino ha proposto di ripetere l’esperienza della staffetta, con le stesse classi, anche l’anno prossimo.

Inoltre, al fine di rendere accessibile a tutti i partecipanti la possibilità di esprimere il proprio parere anche mediante una riflessione, un elaborato scritto o un disegno, si è pensato di usufruire di un padlet per raccogliere i contenuti relativi alle staffette di riferimento.

Al vaglio una riunione conclusiva per raccogliere e vagliare eventuali nuove considerazioni e proposte.

La BIMED ha assicurato che, nonostante la particolare situazione, i libri saranno consegnati alle scuole nei termini stabiliti.

Un ringraziamento va alla referente del progetto per l’Istituto, l’insegnante Antonella Manzi, alla docente Virginia Liberatore e ai tutor che ci hanno sostenuto e incoraggiato durante tutto il percorso.